La società A.E.R. Ambiente Energia Risorse Spa, titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito, informa che tale sito web non utilizza cookie di profilazione per comunicazioni commerciali basate sulle preferenze espresse. Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

Vedi informativa cookies

Non hai accettato i cookie. Questa decisione può essere cambiata.

Hai accettato i cookie sul tuo computer. La decisione può essere cambiata.

Il progetto

Progetto di raccolta differenziata nell'intero capoluogo del Comune di Dicomano che ha previsto l'inserimento di una calotta sul cassonetto stradale del RSU - in cui è possibile conferire soltanto se dotati di chiavetta elettronica -, il riposizionamento del cassonetto stradale per la raccolta di carta e cartone (in precedenza effettuata con modalità porta porta) e l'introduzione della raccolta separata del vetro dal multimateriale leggero.
Le zone dove rimarrà attivo il servizio di raccolta domiciliare sono la parte del capoluogo denominata Scaffaia, le frazioni di Celle e Contea, infine la località lungo la strada provinciale 556 (Londa-Stia), dalla frazione di Sandetole alla frazione di Vicorati (denominata I Filipponi).


Gli obiettivi
Aumentare la percentuale di raccolta differenziata
Migliorare la qualità del rifiuto conferito all'impianto finale
Diminuire la quantità di rifiuto indifferenziato e i relativi costi di smaltimento
Realizzare la sperimentazione di un modello estendibile ad altre realtà urbane simili.

Il progetto prevede l'installazione di calotte elettroniche sul coperchio dei cassonetti stradali del solo rifiuto non differenziato. I suddetti dispositivi risulteranno l'unico accesso al cassonetto, con coperchio bloccato da serrature gravitazionali, per gli utenti domestici e non domestici che potranno conferire i rifiuti tramite l'apertura della calotta.
Ciascun utente ha ricevuto una chiave elettronica che una volta inserita nell'apposita fessura aprirà lo sportello di accesso al contenitore.

La calotta è realizzata in acciaio inossidabile ed ha una capacità standard di 15 litri, non necessita di allacciamenti elettrici, poiché l'energia viene fornita dalla chiave elettronica.

chiavetta Il dispositivo ha la funzione di contatore dei conferimenti dei rifiuti di ciascun utente; i dati raccolti vengono inviati ad un database che può essere consultato dall'azienda per ottenere dati in merito agli utenti (numero di accessi).
Lo scopo è quello di indirizzare i cittadini a differenziare maggiormente i rifiuti, con la possibilità futura di premiare i virtuosi.

calotta

Ciascuna postazione stradale nel Comune di Dicomano sarà, quindi, composta da: cassonetto del rifiuto non differenziato dotato di calotta; cassonetti della carta e cartone gialli con coperchio (eliminando il servizio domiciliare); cassonetti della frazione organica e verde (marroni con coperchio), campane per il multimateriale leggero e campana verde per la raccolta separata del vetro.

L'utenza interessata
Le unità di riferimento per il progetto sono le utenze, che rappresentano il numero di famiglie servite se si tratta di utenze domestiche ed il numero di attività commerciali e produttive nel caso si tratti di utenze non domestiche, in totale saranno circa 2.000 utenze coinvolte.

Risultati attesi
Il progetto mira a modificare le percentuali di raccolta dei rifiuti in questo modo:
elevare la percentuale di rifiuti avviati al recupero
ORGANICO dal 09,81% al 34,00%
CARTA E CARTONE dal 07,01% al 14,00%
MULTIMATERIALE leggero dal 00,00% al 6,80%
VETRO dal 00,00% al 10,20%
ridurre la percentuale di rifiuti indifferenziati
RSU INDIFFERENZIATO dal 77,20% al 35,00%
portando la Raccolta Differenziata al 65%


Le tipologie di rifiuto
Le raccolte interessate dal progetto sono: carta e cartone, organico, RSU indifferenziato, multi materiale leggero e vetro; per il tessile è previsto, al momento, il mantenimento dei contenitori stradali.
Ciascuna raccolta è contraddistinta da un colore, fattore che favorisce l'utenza nell'individuare più velocemente la tipologia da conferire ed il mezzo giusto con cui conferirla.


Coinvolgimento degli utenti
E' stata scelta la strada dell'informazione capillare, attraverso la quale si informa dell'attuazione del nuovo servizio di raccolta.
Il personale AER spiegherà ad ogni famiglia o gestore dell'attività, il cambiamento a cui si troveranno di fronte, per far loro conoscere e accettare le modalità di effettuazione del servizio, anche attraverso l'utilizzo di depliant informativi.
Si procederà all'affissione di manifesti negli spazi pubblici, presso locali e centri di ritrovo e di aggregazione e di stendardi appesi in vari punti della zona interessata al nuovo servizio.
Nelle attuali postazioni dei cassonetti stradali, l'utente troverà dei cartelli informativi, con la spiegazione del perché sono stati eliminati i contenitori; gli stessi richiameranno le disposizioni di legge: per chi deposita sacchetti e ingombranti in spazi pubblici sono previste pesanti sanzioni pecuniarie.
Durante la fase informativa si prevede l'organizzazione di 3 assemblee presso luoghi pubblici della zona interessata, nelle quali il comune e l'azienda AER discuteranno il progetto con i cittadini coinvolti, per chiarire eventuali dubbi e rispondere ai quesiti posti.
Gli operatori al momento della distribuzione dei kit di raccolta hanno l'incarico di consegnare il calendario annuale con evidenziati i giorni e gli orari per il conferimento dei rifiuti.
Gli operatori che svolgono la raccolta hanno a disposizione degli adesivi che possono attaccare sui sacchetti e sui bidoni in caso di errato conferimento dei rifiuti, con i quali possono segnalare la tipologia di errore commesso.


Vigilanza e controllo
Prima dell'attivazione del servizio, l'Amministrazione comunale provvederà all'approvazione di un apposito Regolamento, che disciplini il servizio regolamentando le sanzioni previste per chi non osserva orari, giorni e modalità di conferimento.
AER organizzerà dei turni di controllo sul territorio attraverso guardie ecologiche adeguatamente formate.
Le guardie ecologiche, nei primi tempi assistite dalla Polizia Municipale, avranno il compito di seguire l'andamento del servizio e nel caso procedere, dopo una prima fase di informazione, ad erogare le sanzioni previste per errati conferimenti.