La società A.E.R. Ambiente Energia Risorse Spa, titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito, informa che tale sito web non utilizza cookie di profilazione per comunicazioni commerciali basate sulle preferenze espresse. Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

Vedi informativa cookies

Non hai accettato i cookie. Questa decisione può essere cambiata.

Hai accettato i cookie sul tuo computer. La decisione può essere cambiata.

Il progetto

Progetto di raccolta differenziata porta a porta nella frazione di Matassino nel Comune di Reggello.

Gli obiettivi
Aumentare la percentuale di raccolta differenziata
Migliorare la qualità del rifiuto conferito all’impianto finale
Diminuire la quantità di rifiuto indifferenziato e i relativi costi di smaltimento
Realizzare la sperimentazione di un modello estendibile ad altre realtà urbane simili.

L'utenza interessata
La popolazione residente è composta da 1356 abitanti, suddivisi in 552 famiglie ( 2,46 abitanti per famiglia).
Sono presenti 35 attività commerciali di diversa tipologia: negozi, laboratori di produzione artigianale, esercizi di grande distribuzione, officine.

Risultati attesi
Il progetto mira a modificare le percentuali di raccolta dei rifiuti in questo modo:
elevare la percentuale di rifiuti avviati al recupero

  • ORGANICO dal 9,22 % al 38,09%
  • CARTA E CARTONE dal 11,06% al 14,54%
  • MULTIMATERIALE dal 6,25% al 17,37%
    ridurre la percentuale di rifiuti indifferenziati
  • RSU INDIFFERENZIATO dal 73,47% al 30,00%

portando la Raccolta Differenziata al 70 %

Le tipologie di rifiuto
Le raccolte interessate dal Porta a Porta sono: carta e cartone, organico, RSU indifferenziato e multimateriale; per il tessile è previsto, al momento, il mantenimento dei contenitori stradali.
Ciascuna raccolta è contraddistinta da un colore, fattore che favorisce l’utenza nell’individuare più velocemente la tipologia da conferire ed il mezzo giusto con cui conferirla.

Coinvolgimento degli utenti
E' stata scelta la strada dell’informazione capillare, attraverso la quale si informa dell’attuazione del nuovo servizio di raccolta.
Il personale AER spiegherà ad ogni famiglia o gestore dell’attività, il cambiamento a cui si troveranno di fronte, per far loro conoscere e accettare le modalità di effettuazione del servizio, anche attraverso l’utilizzo di depliant informativi.
Si procederà all’affissione di manifesti negli spazi pubblici, presso locali e centri di ritrovo e di aggregazione e di stendardi appesi in vari punti della zona interessata al nuovo servizio.
Nelle attuali postazioni dei cassonetti stradali, l’utente troverà dei cartelli informativi, con la spiegazione del perché sono stati eliminati i contenitori; gli stessi richiameranno le disposizioni di legge: per chi deposita sacchetti e ingombranti in spazi pubblici sono previste pesanti sanzioni pecuniarie.
Durante la fase informativa si prevede l’organizzazione di 2 assemblee presso luoghi pubblici della zona interessata, nelle quali il comune e l’azienda AER discuteranno il progetto con i cittadini coinvolti, per chiarire eventuali dubbi e rispondere ai quesiti posti.
Gli operatori al momento della distribuzione dei kit di raccolta hanno l’incarico di consegnare il calendario annuale con evidenziati i giorni e gli orari per il conferimento dei rifiuti.
Gli operatori che svolgono la raccolta hanno a disposizione degli adesivi che possono attaccare sui sacchetti e sui bidoni in caso di errato conferimento dei rifiuti, con i quali possono segnalare la tipologia di errore commesso.

Vigilanza e controllo
Prima dell’attivazione del servizio, l’Amministrazione comunale provvederà all’approvazione di un apposito Regolamento, che disciplini il servizio regolamentando le sanzioni previste per chi non osserva orari, giorni e modalità di conferimento.
AER organizzerà dei turni di controllo sul territorio attraverso guardie ecologiche adeguatamente formate.
Le guardie ecologiche, nei primi tempi assistite dalla Polizia Municipale, avranno il compito di seguire l’andamento del servizio e nel caso procedere, dopo una prima fase di informazione, ad erogare le sanzioni previste per errati conferimenti.